COS’E’ L’OZONO. Forma allotropica dell’ossigeno, con molecola triatomica, concentrata nella ozonosfera; è un gas bluastro, di odore pungente, dotato di forte potere ossidante; si usa come disinfettante, deodorante, battericida, sterilizzante soprattutto delle acque, e come ossidante in numerose sintesi organiche; è tossico a concentrazioni superiori a 0,01 parti per milione, livello talvolta raggiunto nella troposfera solo nelle arie urbane dove la concentrazione può considerevolmente aumentare per l’effetto combinato di forte insolazione, assenza di vento e presenza di gas inquinanti generatori di ozono.

Già Omero, in alcuni canti dell’Iliade, descriveva l’odore aspro e pungente che l’aria acquistava al passaggio di un temporale; verso la fine del XVIII secolo fu notato che lo stesso odore si presentava nelle vicinanze di alcune macchine elettriche ed attribuito all’elettricità dell’aria.

Solo nel 1840, il chimico Christian F. Schönbein (1799-1868), professore all’Università di Basilea, intuì che lo strano odore era dovuto alla presenza nell’aria di un gas denominato “ozono” che si formava in seguito al rilascio di scariche elettriche nell’aria durante i temporali, ed ad esso fu attribuito il termine “ozono” (dal greco ozein, che ha odore).

L’OZONO si produce principalmente in tre diversi modi: sottoponendo l’ossigeno a scariche elettriche (1), a radiazioni ultraviolette (2) ed anche ad alcuni processi chimici (3).

FAQ

Come si forma in natura l'ozono?

In natura l’ozono si forma spontaneamente per effetto dei raggi ultravioletti sull’ossigeno della stratosfera, in una fascia compresa tra i 25 e 55 Km di quota. A bassa quota sono invece rilevabili concentrazioni di ozono estremamente limitate, in quanto esso viene continuamente distrutto nel corso di reazioni con le sostanze organiche presenti nell’atmosfera.

L’ozono presente nell’aria, a temperatura ambiente, si scompone nuovamente in ossigeno e la velocità di scomposizione aumenta con l’aumentare della temperatura ambiente ed in presenza di umidità e sostanze organiche.

Perché l'ozono ha un forte potere disinfettante e deodorante?

L’ozono è uno dei più forti ossidanti disponibile; l’effetto ossidante è in stretta relazione con tendenza dell’ozono alla decomposizione verso la forma O2 con liberazione di ossigeno atomico.

Dove viene normalmente impiegato l'ozono?

L’ozono viene usato, oltre che in talune reazioni chimiche, soprattutto per la sua capacità di sterilizzazione dell’aria, dell’acqua e delle superfici in genere, nella disinfezione conservativa di derrate alimentari, nella sanificazione e deodorazione ambientale e in molte altre applicazioni non tutte elencabili compresa l’igiene dentale personale.

Può essere stoccato (o conservato per un utilizzo successivo) l'ozono?
L’ozono è un gas fortemente instabile; per tale motivo non può essere stoccato o trasportato; ma deve essere prodotto ed immediatamente inviato all’utilizzo.
Come viene prodotto l'ozono?
L’ozono viene generalmente prodotto a partire da una corrente gassosa ricca di ossigeno, alla quale viene apportata energia in forma elettrica, elettrochimica o fotochimica.
Quali sono le caratteristiche fisiche dell'ozono?
  • peso molecolare 48
  • punto di ebollizione -110,5 °C e punto di fusione -251,4 °C
  • densità g/l 2,144
  • valore limite di soglia ppm 0,1
  • TLV-TWA mg/mc 0,2
  • soglia di percettibilità ppm 0,02
  • potenziale di ossido riduzione V +2,07
  • colore blu-violetto.

In pratica l’ozono è una molecola estremamente reattiva. È un energico ossidante (Le reazioni di ossidazione possono produrre radicali liberi, e per gli esseri viventi un gas pericoloso. È tuttavia un gas essenziale alla vita sulla Terra per via della sua capacità di assorbire la luce ultravioletta; lo strato di ozono presente nella stratosfera protegge la Terra dall’azione nociva dei raggi ultravioletti UV-B provenienti dal Sole.

L’ozono non è stabile sul lungo periodo e non viene pertanto prodotto e commercializzato in bombole come gli altri gas industriali. Viene generalmente preparato al momento dell’utilizzo attraverso apparecchi detti ozonizzatori che convertono l’ossigeno dell’aria in ozono tramite scariche elettriche.

Tempi di inattivazione di batteri, virus, protozoi in aria e acqua

A cura di: Università degli studi di Parma istituto di microbiologia, Istituto di igiene Università Perugia Dr Farooq e Akhlaque nel 1983 Dr Adler M.G. e Dr G.R Hill 1950 Graham D.M. 1997, Università di Napoli Federico II sez., Università degli studi di Udine dipartimento di scienze degli alimenti Prot. 219/94. Protocolli depositati certificazioni MINISTERO DELLA SANITA Protocollo 24482/96.

ozono tabella tempi inattivazione virus e batteri

Tabella completa con estensione tipologia di virus, batteri e altri agenti patogeni sanificabili tramite l’uso di ozono: clicca qui (pdf – 37kb)

Per Coronavirus – Covid 19 vedere TAB successivo

Che tipo di ambienti posso sanificare?

Ozonet ha una gamma di apparati per la sanificazione ambentale che hanno una potenza di erogazione diversa e quindi si adattano a diverse metrature per la sanificazione e igienizzazione di:

  • Abitazioni
  • Uffici
  • Laboratori e studi medici, dentistici, di analisi e veterinari
  • Laboratori per la trasformazioni di alimenti
  • Spazi per lo stoccaggio e conservazione alimentare
  • Abitacoli di automezzi e cabine di mezzi pesanti e da lavoro
Ci sono precauzioni nell'uso dell'ozono e degli apparati di erogazione?

Salvo se non espressamente diversaente indicato sulla confezione, gli apparati per la produzione ed erogazione di ozono per la sanificazione ambientale vanno usati in locali chiusi senza persone all’interno durante il processo di erogazione e per il tempo indicato sul manuale in base al trattamento richiesto. Stessa cosa per abitacoli o cabine di guida.

Di norma si consiglia di far eseguire il trattamento da personale specializzato o adeguatamente formato.

Al termine del trattamento il locale va arieggiato prima di poterci soggiornare o operare, anche qui seguire le indicazioni nel manuale.

Nel caso di apparati di piccole dimensioni per la depurazione costante dell’aria alternare le prese di corrente a cui si collega il dispositivo.

Nel caso di apparati per l’igiene dentale personale seguire la modalità di utilizzo e tempistiche indicate nel manuale a corredo e in caso di dubbi consultare il medico o il dentista di riferimento.

OZODENTAL

Per richieste informazioni sugli apparati OZOnet e preventivi compilare la form indicando le necessità di utilizzo e descrivere gli ambienti da sanificate (estensione in mq dei locali e altezza media in mt). Per gli apparati di igiene dentale personale indicare chiaraente se per uso presso studio dentistico o casalingo. Sarà nostra cura rispondere a tutte le richieste nel più breve tempo possibile compatibilmete alla mole di messaggi che stanno arrivando in questo periodo di emergenza Coronavirus.

Piazza Ulivelli n. 7 - Castelfiorentino (50051 - FI)

Telefono 0571 61331

Lun - Ven | 10-18 orario continuato

ozonize your life!

Consenso esplicito

1 + 8 =

VUOI SAPERNE DI PIU'?

Consulta anche la pagina delle FAQ per trovare informazioni sull'ozono, campi di impiego e benefici, modalità di utilizzo.

Clicca qui.